La prima frontiera della sicurezza in un mondo connesso: il tuo modem / router

Viviamo oggi in un mondo sempre connesso, e questo equivale a vivere in una casa affacciata sulla strada, esposti al bello ma anche al brutto del mondo. I rischi per la nostra sicurezza sono maggiori che vivendo al 70° piano di un condominio di un mega-grattacielo.

La ‘porta di casa’ della nostra vita on-line è il modem-router … quell’oggetto misterioso che il nostro fornitore di telefonia/internet ci fitta a 2€ al mese (a meno che non ti sei fatto due conti e hai preferito comprartelo da solo) e che ci permette di accedere “ad Internet” rimanendo sempre acceso, e mai più configurato né controllato dopo la prima connessione del nostro pc.

Purtroppo questo è un lusso che non possiamo più concederci: l’uso massivo di credenziali di accesso standard (‘admin’ e ‘password’ se non ‘12345’), l’uso in grande serie di chip provenienti dallo stesso produttore, tool di amministrazione semplificata [Genie di Netgear, per fare un esempio] e poi insicurezze varie a livello del software di sistema (il famigerato firmware), sono tutti atteggiamenti analoghi a lasciare la porta di casa aperta, o a dare una copia delle chiavi a chiunque.
È questo che fai per casa tua ?

Io credo di no! Per questo consiglio sempre a familiari, amici o clienti di aggiungere al proprio flusso informativo qualcosa che li avverta dei cambiamenti a cui i propri dispositivi vengono sottoposti dal produttore, e ad applicare tutti gli aggiornamenti di sicurezza non appena se ne ha notizia.

Negli scorsi giorni ho appreso, ad esempio, che centinaia di migliaia di modem/router NETGEAR sono vulnerabili e permettono la scoperta della password impostata sul dispositivo sia se connessi alla rete LAN casalinga.

Negli scorsi giorni ho appreso, ad esempio, che centinaia di migliaia di modem/router Netgear sono vulnerabili e permettono la scoperta della password impostata sul dispositivo sia se connessi alla rete LAN casalinga (pensiamo ad un figlio che vuole bypassare le limitazioni sui contenuti o ad un collega/dipendente che vuol fare lo stesso), sia ad un attaccante esterno… Un vero e proprio Password Bypass.

Dopo varie segnalazioni Netgear pare essersi decisa a correre ai ripari, e ha dedicato una pagina del suo supporto tecnico alla pubblicazione di un aggiornamento del firmware per alcuni dei modelli interessati e ad una spiegazione e di come mitigare il problema un restante gruppo di dispositivi.
La pagina in oggetto è la seguente: Web GUI Password Recovery and Exposure Security Vulnerability, mentre i modelli coinvolti – al momento in cui scrivo – sono i seguenti:

  • R8500
  • R8300
  • R7000
  • R6400
  • R7300DST
  • R7100LG
  • R6300v2
  • WNDR3400v3
  • WNR3500Lv2
  • R6250
  • R6700
  • R6900
  • R8000
  • R7900
  • WNDR4500v2
  • R6200v2
  • WNDR3400v2
  • D6220
  • D6400

Se possiedi uno di questi dispositivi, il mio consiglio è quello di aggiornare al più presto!