Proteggere i dati genomici dei pazienti

Mi ha molto colpito la notizia della pubblicazione del lavoro scientifico “Deriving genomic diagnoses without revealing patient genomes” sulle pagine di Science – riportata poi dal magazine generalista Engadget – dove un gruppo di ricercatori di Stanford (USA) si è posto il problema di tutelare la riservatezza del dato genomico dei pazienti relativi ad uno specifico studio medico / scientifico.

Uno dei problemi principali della bioinformatica, oggi, è la gestione dell’enorme quantità di dati disponibili in termini di volume, assieme alla difficoltà di approvvigionamento di dati clinici nei casi in cui si vada a studiare qualcosa afferente la sfera umana. Pazienti e volontari (tipicamente persone sane che sono usate come ‘controllo’ nell’esperimento) donano infatti il proprio materiale genetico, e hanno diritto alla riservatezza di questo patrimonio informativo e alla sua tutela.

Continua a leggere

Dysregulation of MicroRNAs and Target Genes Networks in Peripheral Blood of Patients With Sporadic Amyotrophic Lateral Sclerosis

Alla fine di Agosto 2018 è stato pubblicato l’articolo sul lavoro più recente dei miei colleghi coordinati dall’amica e collega Maria Liguori … ancora una volta lavorando con lei al progetto è stato riconosciuto il mio (piccolo) contributo con una menzione all’interno della sezione Ringraziamenti del lavoro. Per me è sempre un onore e le sono molto grato …

Cattura 2018-09-14 alle 12.23.16

Riferimenti bibliografici: doi 10.3389/fnmol.2018.00288

UN LAVORO ‘NUOVO’

Giovedì 1° Febbraio 2018 marca l’inizio del mio ‘nuovo’ lavoro… Dopo 130 mesi di lavoro a tempo determinato, precario, ed un concorso ho finalmente preso servizio come Collaboratore Tecnico per Enti di Ricerca (CTER) presso l’unità di Bari dell’Istituto di Tecnologie Biomediche.

Faccio parte del gruppo che si occupa di Bioinformatica (tra l’altro uno dei primi ad occuparsene qui in Italia) e le mie mansioni saranno quelle di sempre: mantere in funzione i server, installare tool e banche dati bioinformatiche, manutenzione generale e supporto all’utenza. Quello che spero è di ottenere nuove responsabilità e – assieme ad esse – un nuovo potere decisionale nelle aree di mie competenza!

Mi auguri buona fortuna ?

WoPPER: Web server for Position Related data analysis of gene Expression in Prokaryotes.

Acknowledgments WoPPER

È stata appena ufficializzata la pubblicazione dell’ultimo lavoro dei miei colleghi “informatici” qui alla sede di Bari dell’Istituto di Tecnologie Biomediche. Questo prodotto software si occupa dell’analisi dati dell’espressione genica dei procarioti ed è stato battezzato WoPPER.

Quest’articolo vede anche la prima menzione ufficiale del mio lavoro da collaboratore tecnico, qui come amministratore dei sistemi informatici che ne permettono il funzionamento.

Riferimenti bibliografici: doi 10.1093/nar/gkx329