ransomware all’attacco

In queste ultime settimane qui in Italia si sta assistendo ad un’impennata di attacchi di tipo ransomware. All’interno dei bollettini di sicurezza, e sui blog orientati a tali tematiche stiamo assistendo ad un susseguirsi di note, avvisi, consigli su come affrontare questo problema. Ricordo a chi si sente ripetere il termine e non ne conosce il significato cosa buol dire ransomware:

Un Ransomware è un tipo di malware – software malevole – che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione. Ad esempio alcune forme di ransomware bloccano il sistema e intimano l’utente a pagare per sbloccare il sistema, altri invece cifrano i file dell’utente chiedendo di pagare per riportare i file cifrati in chiaro.
Wikipedia

A chi vuole tenersi informato sulla questione consiglio quindi due risorse da monitorare (giornalmente per quanto possibile): il software recentemente sviluppato da Malwarebytes per monitorare lo stato del tuo computer e fermare – si spera – un’azione di cifratura che si attivasse dopo il click sul famigerato ‘allegato sospetto’, e poi il neonato blog italiano completamente dedicato all’argomento: ransomware.it.

Come il mio amico MGPF ama ripetere e ricordare:  Estote parati.

Pubblicato da Nicola

♂, amichevole cittadino del web, motociclista, geek, lettore, curioso. Un padawan delle arti di SysAdmin & DevOps, lavoro come tecnico presso l'Istitituto di Tecnologie Biomediche del C.N.R. a Bari. In passato ho svolto attività di consulenza ICT presso imprese locali. Sono un – attivo – social networker dal 1999 con il nickname “kOoLiNuS”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.